Viaggi e visite guidate

 

Criteri di svolgimento delle visite guidate e dei viaggi di Istruzione.

Le visite guidate e i viaggi di istruzione costituiscono parte integrante dell'attività didattica e verranno effettuati con la collaborazione di tutti i docenti. Essi dovranno essere:

- coerenti con il POF e la programmazione didattica ed educativa;

- adeguatamente ed articolatamente preparati sul piano culturale e didattico;

- ispirati a criteri di economicità per consentire la più ampia partecipazione;

Le visite guidate possono svolgersi durante tutto l'anno scolastico ad eccezione del primo e dell'ultimo periodo per non intralciare l'avvio e il termine delle lezioni; in ogni caso entro la prima metà del mese di aprile. Per motivi organizzativi e didattici, ogni anno si individuerà un periodo di una decina di giorni entro cui dovranno svolgersi tutti i viaggi di istruzione

Se l'iniziativa interessa un'unica classe sono necessari due accompagnatori, se più classi, di norma, uno ogni quindici alunni. È necessario un accompagnatore per ogni 15 studenti, che assume le responsabilità di cui ad art. 2048 del Codice Civile (culpa in vigilando); devono essere scelti all'interno del Consiglio di Classe interessato, salvo deroghe. Se l'insegnante accompagnatore presta servizio in altre scuole è tenuto a concordare eventuali impegni con la dirigenza.

Le proposte relative a viaggi e visite di istruzione devono essere approvate dai consigli di Classe almeno entro 60 giorni prima della data di effettuazione, salvo casi eccezionali, per dare modo al Collegio dei Docenti di approvare l'iniziativa e farla rientrare nel piano dei viaggi e visite delle scuola.

I viaggi e le visite di istruzione, finalizzati a promuovere negli alunni una maggiore conoscenza dell'Italia o dei paesi esteri, dovranno svolgersi entro il mese di marzo;

Le classi del biennio possono effettuare visite guidate di un solo giorno, per un massimo di tre, in ambito provinciale e regionale e/o regioni limitrofe (confinanti); nonché viaggi di istruzione in Italia della durata massima di 5 giorni.

Le classi del secondo biennio (classi terze e quarte) e le classi terminali dei diversi indirizzi, oltre che in Italia, possono effettuare viaggi di istruzione all'estero, nei paesi della Comunità europea per un periodo non superiore a 7 giorni.

I viaggi e le visite di integrazione culturale, finalizzati a promuovere negli alunni una maggior conoscenza dell'Italia o dei paesi esteri, dovranno svolgersi possibilmente entro la metà del mese di aprile.

Le ultime tre classi del Liceo linguistico effettuano, sempre nel rispetto dei criteri sopra indicati, soggiorni di una settimana all'estero finalizzati al potenziamento delle competenze linguistiche. Si tenta di fruire dei sovvenzionamenti possibili con i progetti Europei.