il 23 maggio il nostro Liceo in prima fila per commemorare Falcone e Borsellino, a Palermo


Il nostro Liceo in prima fila per commemorare Falcone e Borsellino, nel ventunesimo anniversario delle stragi di Capaci e via D'Amelio.

StriscionePalermo5Due giorni per Giovanni e Paolo. Saranno oltre 20mila gli studenti che parteciperanno alle celebrazioni, 250 le scuole di Palermo e provincia che hanno lavorato per mesi all'organizzazione della giornata; 800 le persone che prenderanno parte al dibattito in Aula Bunker; 250 le scuole che saliranno sulle 2 "navi della legalità", che salperanno il 22 maggio da Napoli e Civitavecchia; 2.600 il numero di studenti e docenti coinvolti nel viaggio. Un grande lavoro portato avanti anche dai volontari (circa 1000 fra Scout, Protezione Civile, studenti universitari, Associazioni del territorio) e dalle Istituzioni; su tutte le Forze dell'Ordine che hanno messo a disposizione 70 autobus che aiuteranno i ragazzi e i docenti per gli spostamenti dentro la città di Palermo.
Il 23 maggio, dunque, Clelia Greco, Teresa Ruggiero, Angelina D'Angiolillo, Gilda Perretta, Sara Musto, Francesco Palladino, Nicola Sagaria (della classe VB ginnasiale, accompagnati dai docenti di diritto Michelina Sica e Francesco Di Perna) selezionati attraverso un concorso nazionale, indetto dalla Fondazione Falcone, in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, a cui, oltre alle 800 scuole italiane, hanno aderito ben 13 Paesi europei, saranno a Palermo per essere presenti ad una manifestazione di grande rilievo, a cui aderiranno anche le più alte cariche dello Stato.
Da loro -come nostri portavoce- un no forte e senza indugi alle mafie, alla criminalità, all'illegalità.
L'intera manifestazione potrà essere seguita sul portale dedicato, al seguente link:
http://archivio.pubblica.istruzione.it/nave_legalita/index.html .

Ecco, di seguito, una sequenza di scatti che ritraggono i nostri alunni mentre preparano degli striscioni da mostrare alla manifestazione, per testimoniare il loro no alla illegalità e la loro "fede" nel futuro, sulla scia delle idee di Falcone e Borsellino, che ci hanno insegnato che "gli uomini passano, le idee restano, restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini". E noi di quelle "idee" e di quegli uomini siamo fieri, testimoni, custodi.

StriscionePalermo3

  StriscionePalermo1  StriscionePalermo 2

                                                        
StriscionePalermo4