Successo Straripante de "L'Histoire de Notre-Dame"

 

Gobbo7Teatro stracolmo e applausi convinti, per tutto lo spettacolo!
Alla fine tutti in piedi e ancora applausi, applausi, applausi.... Un successo straripante!
Bravi ragazzi! Siete stati eccezionali!
È stato uno spettacolo mozzafiato, avvincente, coinvolgente... portato in scena il 27 marzo, in mattinata per la scuola; di sera per le famiglie e gli appassionati.

Il musical "L'Histoire de Notre-Dame", sulle orme del noto "Notre-Dame de Paris" di Luc Plamondon, messa in musica da Riccardo Cocciante, ha coinvolto oltre 120 allievi, che hanno recitato, suonato, cantato, ballato. Tutti bravi! Insostituibili!
A guidarli la prof.ssa Noemi Lenza, alla fine con gli occhi lucidi per la gioia! Complimenti!

Grazie a loro ci sentiamo tutti soddisfatti, orgogliosi di essere nel gruppo.

Bravi !

_______________________________________________

 

RESOCONTO della SERATA:

Prima dell'inizio dello spettacolo sono intervenuti il Preside, prof. francesco Massanova, e la prof.ssa Noemi Lenza. Nell'occasione sono state premiate due alunne del Liceo Classico, Arianna Di Pace e Marialucia Di Santi, per aver conseguito, l'anno scorso, nell'esame di stato, il massimo dei voti con la lode.


Intervento del Dirigente Scolastico
:

«Buonasera,
ringrazio tutti per essere intervenuti così numerosi all’evento che si pone al culmine di un percorso iniziato addirittura ad ottobre: “L’Histoire de Notre Dame”, un progetto che, nato in sordina, è cresciuto giorno dopo giorno, simile a quelle palle di neve che da piccoli si facevano rotolar giù per la china fino a farle diventare enormi.

Tale Progetto è scaturito dalla follia della prof.ssa Noemi Lenza,PresideMassanGobbo perché solo di follia si può parlare allorché vengono coinvolti in uno spettacolo più di 100 alunni di indirizzi diversi, la cui vivacità, avendoli visti all’opera, possiamo immaginare! E però, richiamando il celebre scritto di Erasmo da Rotterdam, è una follia da elogiare, perché fa girare il mondo, rendendolo bello ed interessante. Grazie prof.ssa Lenza per aver intrapreso un’impresa difficile anche solo da immaginare e con i pochi mezzi che la scuola, si sa, può mettere a disposizione. Va detto, infatti, per inciso, che l’impegno della professoressa Noemi, che ha curato le coreografie, la regia ed ha supervisionato tutti gli aspetti dello spettacolo, nonché di tutti coloro che hanno collaborato con lei in vario modo, è stato profuso assolutamente a titolo gratuito ed ha comportato un gran dispendio di tempo, energia e pazienza.

In verità, anche questo va detto, per la pazienza meritano un ringraziamento tutti i professori dell’Istituto, i quali non hanno fatto mancare la loro disponibilità, consentendo ai ragazzi di fare le prove, talvolta durante le loro ore di lezione, naturalmente senza pregiudizio per la didattica.

Un grazie di cuore va al professore Leonardo Ricci che, con l’aiuto degli alunni, ha creato le bellissime scenografie rese magiche dagli effetti luminosi, e alla professoressa Lidia Ametrano, che realizzando i meravigliosi costumi, ha permesso di far rivivere le atmosfere del tempo della vicenda . Grazie alla professoressa Tiacci, docente di canto del liceo musicale, che ha collaborato nella cura dell’aspetto preponderante dell’opera, il canto ed in particolare il canto corale.

Grazie anche agli sponsor che con i loro contributi hanno permesso di far fronte alle spese vive necessarie alla realizzazione del musical.

Ed infine un forte plauso anzi applauso ai ragazzi del PARMENIDE che hanno saputo metter a frutto i loro talenti e che sono stati bravissimi, coinvolgenti ed emozionanti.

Sono felice che l’Istituto PARMENIDE abbia realizzato lo spettacolo “L’Histoire de Notre Dame” perché penso che in tal modo, al di là di ogni dubbio, la nostra scuola abbia confermato di essere una realtà “Buona” e bella. La Politica elabora programmi intesi a rendere attrattive le scuole mediante interventi, ad esempio, di tinteggiatura; prospetta complicati progetti volti a prevenire la dispersione scolastica. Senza disconoscere l’importanza di tutto ciò, io credo che l’attrattività di una scuola dipenda in modo preponderante da chi fa vivere quella scuola, proponendo anche attività alternative e rendendo coinvolgenti quelle curricolari. Questa sera abbiamo dimostrato che il nostro Istituto non si affida agli slogan politici, ma lavora per concretizzare l’idea di una buona scuola, intesa come ambiente sereno e costruttivo, dove affiorino i talenti nascosti di ogni ragazzo, dove la tutela dell’io sia interamente protesa alla promozione di un nobile noi ,unica speranza del futuro.

Sono sicuro che quest’evento rimarrà nel ricordo di tutti noi, ma in particolar modo dei nostri ragazzi, come uno dei momenti più belli, non solo del loro percorso scolastico, ma del loro vissuto. GRAZIE A TUTTI !».

_________________

 

Ecco la serata "raccontata" da Francesco Chirico, alunno della 4ªA del Liceo delle Scienze Umane :

«L'HISTOIRE DI NOTRE-DAME, IL PARMENIDE SFONDA ALLA "PROVVIDENZA"

Gobbo8Dopo il grande successo ottenuto durante lo spettacolo tenutosi durante la mattinata, i ragazzi del Parmenide fanno il bis. Con un Teatro stracolmo di gente tra cui genitori, docenti, ex allievi, ma anche numerosi cittadini giunti dai centri vicini, i giovani artisti del Parmenide hanno proposto una loro interpretazione del celebre romanzo di Victor Hugo “Notre-Dame de Paris”. Uno spettacolo non semplice quello che hanno deciso di portare in scena, con musiche di Riccardo Cocciante su libretto di Luc Plamondon. L’intero musical è stato dedicato al compianto Pino Daniele, recentemente scomparso.

È proprio con un omaggio al noto cantautore che inizia la serata, sulle note di “Quando”, “Terra Mia” e “Napul’è”. Dopo una breve introduzione della Prof.ssa Noemi Lenza, ideatrice ed organizzatrice e la premiazione, da parte del Preside Massanova, di due allieve che hanno conseguito la maturità col massimo dei voti: 100 e lode, i ragazzi hanno mostrato i frutti di oltre 5 mesi di lavoro. Rompendo quella linea sottile che divide palcoscenico con platea, gli artisti sono spesso scesi tra il pubblico per cantare e ballare, con grande sorpresa fra i presenti che tramite la bravura degli interpreti, la voce della narratrice (Clelia Creco) e i versi del poeta (Nicola Sagaria) sono stati catapultati al “tempo delle cattedrali”, dove tutto "va verso le stelle”.

La storia. L'arcidiacono di Notre-Dame, Claude Frollo, si innamora della danzatrice zingara Esmeralda. Incarica perciò il grottesco e deforme campanaro della cattedrale, il gobbo Quasimodo, di rapirla. Ma il capitano delle guardie Febo la salva e conquista il suo amore. Frollo uccide dunque Febo facendo ricadere su Esmeralda la colpa del delitto. Quasimodo intanto, commosso da un atto di gentilezza di lei, diventa quasi un suo schiavo e la conduce a Notre-Dame per proteggerla. Dopo numerose peripezie Esmeralda verrà catturata e fatta impiccare sotto gli occhi di Frollo, che osserva impassibile l'esecuzione. Quasimodo, disperato, ucciderà Frollo e poi, con il cadavere della donna tra le braccia, si lascerà morire a sua volta.

Un’interpretazione ineccepibile quella dei ragazzi del Parmenide che, sebbene non professionisti ma semplici amatori, sono riusciti a donare alcune perle di bravura agli spettatori, riuscendo spesse volte a far vibrare l’anima a chi li ascoltava e li guardava.
Una grande interpretazione dunque quella degli oltre cento studenti coinvolti, provenienti dai quattro licei di cui è composto il Parmenide, tanto da meritarsi, al termine dell’esibizione, ben 5 minuti di applausi con standing ovation.

I ragazzi del Parmenide hanno scelto di puntare in alto, da stasera hanno dimostrato di poterselo permettere. Ad maiora, semper».

_________________________________

 

La Prof.ssa Maria Marchetti, docente di lettere presso l'Istituto (Liceo Classico), ci racconta "L'Aria che tira":

«... Se è possibile, vorrei comunicare, a chi è solito leggere le note di questo sito, una sensazione: l'aria che qui dentro (ndr. nel Parmenide) si respira.
Ebbene, chi vive in questa scuola, chi vi lavora, respira un'aria corroborante, coinvolgente, che mette le ali e il turbo anche alle giornate più faticose.

Chi frequenta questa scuola, si saluta e si sorride la mattina, chiama i propri alunni per nome, li sostiene.
Chi lavora in questa scuola, produce cultura, idee, crea grandi spettacoli con risorse esigue, come ha fatto la prof.ssa Noemi Lenza con il suo musical.
Chi vive questa scuola prova, in tempi sciagurati come i nostri, una sensazione rara e sublime: l'orgoglio di appartenenza, ad un gruppo, ad un ingranaggio complesso, che però gira, stranamente funziona ed emoziona. 
Un plauso ed un grazie a tutti i colleghi, ai collaboratori scolastici e al personale di segreteria, ma soprattutto all'artefice di questa alchimia: il nostro Dirigente».

Leggi l'intero articolo cliccando su QUESTO LINK

________________________________________

 

Per "rivivire" la serata qualche flash  e qualche VIDEO.

[A breve sarà pronto il DVD DELL'INTERO SPETTACOLO. Prenotatelo rivolgendovi alla prof.ssa Lenza].



SEGUI I LINK SOTTOSTANTI:

Preside e Lenza  -  Ballata e Presentazione  -  I Clandestini  Quasimodo ed Esmeralda  -  Morte di Esmeralda  -  Fine Spettacolo

Altri link dai Tg7 di Rete7      _Video 1_   -   _Video 2_   -   _Video 3_

QUI l'intervista-podcast alla prof.ssa Noemi Lenza su Radio Frankenstein, del 2 aprile 2015

 

Gobbo2

Gobbo1

  

Gobbo5

Gobbo4

 

                 Gobbo6

                        
                    (dal Parmenide, 28 marzo 2015)